Eco-bonus & Normative

Sapevi che puoi usufruire di eco-bonus e vantaggi fiscali per eseguire lavori di efficientamento energetico in casa tua?

ecobonus

Superbonus 110%

Il Superbonus 110% è il bonus che, per interventi di rigualificazione energetica, antisismica, installazione di impianti fotovoltaici e di ricarica di veicoli elettrici, imposta al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.


Questo superbonus promuove gli interventi di efficienza energetica realizzati da condimoni, persone fisiche, istituti autonomi case popolari, cooperative di abitizaione a proprietà indivisa, onlus e associazioni di volontariato e sportive dilettantistiche.

Quali sono gli interventi che rientrano nel Superbonus 110%:

ecobonus

Eco-bonus (Bonus Casa)

La Legge di Bilancio 2020 (L. 27.12.2019 n.160) fissa la scadenza al 31 dicembre 2020 per l'Ecobonus che permette le detrazioni fiscali per l’efficienza energetica degli edifici e le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni (Bonus Casa), per le spese degli itnerventi effettuati dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020.


Quali interventi sono incentivabili e quali sono le aliquote di detrazione? Ecco la tabella:

Componenti e tecnologie

Aliquota di detrazione

  • Serramenti e infissi
  • Schermature solari
  • Caldaie a biomassa
  • Caldaie a condensazione classe A

50%

  • Riqualificazione globale dell'efdificio
  • Caldaie condensazione classe A+ sistema termoregolazione evoluto
  • Generatori di aria calda a condensazione e pompe di calore
  • Scaldacqua a pdv
  • Coibentazione involucro
  • Collettori solari
  • Generatori ibridi
  • Sisitemi di building automation
  • Microcogeneratori

65%

  • Interventi su parti comuni dei condomini (Coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente)

70%

  • Interventi su parti comuni dei condomini (Coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente + QUALITA’ MEDIA dell’involucro)

75%

  • Interventi su parti comuni dei condomini (Coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente + riduzione 1 classe RISCHIO SISMICO)

80%

  • Interventi su parti comuni dei condomini (Coibentazione involucro con superficie interessata > 25% superficie disperdente + riduzione 2 o più classi RISCHIO SISMICO)

85%

  • Bonus Facciate (interventi influenti dal punto di vista termico o che interessino l'intonaco per oltre il 10% della superficie disperdente complessiva totale dell'edificio)

90%

ecobonus

Fondo Nazionale Efficienza Energetica

Il Fondo Nazionale per l’efficienza energetica sostiene tutti quegli interventi che sono necessari per reggiungere gli obiettivi nazionali per l'efficienza energetica, coinvolgendo gli istituti finanziari, nazionali e comunitari, e gli investitori privati.


Questo Fondo promuove gli interventi di efficienza energetica realizzati da imprese, comprese le ESCO, e dalla Pubblica Amministrazione, su immobili, impianti e processi produttivi.

Quali sono gli interventi che rientrano nel Fondo Nazionale Efficienza Energetica:


Il Fondo ha una natura rotativa e si articola in due sezioni che operano per:

La sezione garanzie prevede inoltre una riserva del 30% per gli interventi riguardanti reti o impianti di teleriscaldamento, mentre il 20% delle risorse stanziate per la concessione di finanziamenti è riservata alla PA.


ecobonus

Certificati Bianchi

I certificati bianchi, ovvero “Titoli di Efficienza Energetica” (TEE), sono titoli negoziabili che certificano il conseguimento di risparmi energetici negli usi finali di energia attraverso interventi e progetti di incremento di efficienza energetica. Il sistema dei certificati bianchi prevede che i distributori di energia elettrica e di gas naturale raggiungano annualmente obiettivi di risparmio di energia primaria, espressi in Tonnellate Equivalenti di Petrolio risparmiate (TEP). Le attività di gestione, valutazione e certificazione dei risparmi correlati a progetti di efficienza energetica condotti nell'ambito del meccanismo dei certificati bianchi sono affidate al Gestore Servizi Energetici. Le regole di funzionamento dei certificati bianchi sono state aggiornate con i decreti dell’ 11 gennaio 2017 e dell’8 maggio 2018. Con il decreto del 30 aprile 2019 è stata approvata la Guida operativa per promuovere l'individuazione, la definizione e la presentazione di progetti nell’ambito del meccanismo dei Certificati Bianchi. La Guida, redatta dal GSE, riporta le informazioni utili per la predisposizione e la presentazione delle richieste di accesso agli incentivi nonché indicazioni sulle potenzialità di risparmio energetico derivanti dalla applicazione delle migliori tecnologie disponibili nei principali settori produttivi. Il decreto aggiorna, inoltre, la tabella recante le tipologie progettuali ammissibili al meccanismo dei Certificati Bianchi. Con il decreto del 9 maggio 2019 è stata approvata la Guida operativa per l’emissione dei Certificati Bianchi non derivanti da progetti di efficienza energetica. La Guida, redatta dal GSE ai sensi del decreto interministeriale sui Certificati Bianchi (D.M. 11 gennaio 2017, come modificato dal DM 10 maggio 2018), disciplina le regole e gli adempimenti che i soggetti obbligati devono seguire per richiedere questa tipologia di Certificati Bianchi, utili ai fini del raggiungimento dell’obbligo. Il provvedimento, che è volto a favorire l’equilibrio del mercato di scambio dei titoli completa le disposizioni attuative previste dal decreto ministeriale aggiornato a maggio 2018.

ecobonus

Conto termico

Il conto termico è uno strumento di incentivazione introdotto dal Decreto Ministeriale del 28 dicembre 2012 indirizzato alla Pubblica Amministrazione e a Soggetti privati. Entrambi possono delegare a terzi (ESCO) la gestione della pratica amministrativa. L’incentivo è un contributo fino al 40% delle spese sostenute per due categorie di interventi: interventi di incremento dell’efficienza energetica dell’involucro di edifici esistenti sostituzione di impianti esistenti per la climatizzazione invernale con impianti a più alta efficienza e la sostituzione o, in alcuni casi, la nuova installazione di impianti alimentati a fonti rinnovabili Il nuovo decreto introduce anche incentivi specifici per la Diagnosi Energetica e la Certificazione Energetica, se abbinate agli interventi sopra citati. Le Amministrazioni pubbliche possono richiedere l’incentivo per entrambe le categorie di interventi. I soggetti privati possono accedere agli incentivi solo per gli interventi relativi a impianti per la produzione di energia termica. Il meccanismo è gestito dal Gestore dei Servizi Energetici – GSE S.p.A. L’ENEA collabora con il GSE alla gestione del sistema di incentivazione e organizza corsi di formazione.


In collaborazione con
ecobonus ecobonus ecobonus